X- Lam

Stabilità Strutturale / Isolamento Termico Acustico

Il sistema costruttivo X-LAM è un sistema per la costruzione di edifici e case in legno. È un sistema a pannelli massicci, la cui commercializzazione nel mercato austriaco e tedesco avviene alla fine degli anni 90. In Italia la diffusione di questo sistema è avvenuta negli ultimi dieci anni; inizialmente impiegato come impalcato per solai di copertura e solai di piano, poi in qualche caso di costruzione interamente realizzata in legno. Le pareti sono composte da pannelli realizzati incollando e incrociando 3 o 5 strati di tavole in legno. I pannelli grezzi vengono finiti esternamente con un cappotto da 12 a 20 cm in lana minerale o fibra di legno.

Platform Frame

Ecosostenibile / Isolamento Termico Acustico

Il sistema Platform Frame è stato sperimentato prima nel Nord Europa per poi sviluppare il suo utilizzo in America settentrionale a partire dall’epoca di colonizzazione del continente. Nel sistema Platform Frame ogni piano che si forma funge da piattaforma. Con questo sistema è possibile realizzare edifici residenziali singoli, ma anche edifici condominiali fino a 3 piani di altezza. La caratteristica principale è quella di avere le pareti formate da montanti verticali in legno posti ad interasse di circa 60 cm, chiuse da pannelli in materiale legnoso. L’intercapedine della parete viene riempita con materiale isolante (lana minerale / fibra di legno) mentre l’esterno viene rifinito con cappotto di spessore fino a 20cm.

X-Lam VS Platform Frame

Quale sistema scegliere?

Costruire la propria casa in legno è garanzia di alto comfort abitativo, sicurezza antisismica, risparmio energetico, ma anche di minimo impatto sull’ambiente. Le principali soluzioni costruttive in legno si dividono in sistemi portanti a pareti intelaiate o Platform Frame e a pannelli pieni o X-Lam, la cui scelta dipende dalle specifiche esigenze del cliente. Il Platform Frame è un sistema costruttivo a telaio strutturale caratterizzato da un elevato livello di prefabbricazione delle pareti, che vengono assemblate direttamente in azienda, in condizioni di temperatura ed umidità controllate, garantendo sempre un alto standard qualitativo ed un veloce e sicuro montaggio in cantiere. Le pareti a pannelli X-Lam vengono assemblate in opera, al pari di un edificio in muratura. In questo caso vi è una maggiore possibilità di esposizione alle intemperie ed i tempi di esecuzione si allungano un po’ a causa delle lavorazioni che avvengono direttamente in cantiere. Il Platform Frame presenta alti valori di elasticità in caso di terremoto ed ha costi generalmente inferiori all’X-Lam. Quest’ultimo, impiegando pannelli pieni, è caratterizzato da una maggiore rigidità strutturale, che lo rende ideale per la realizzazione di edifici multipiano od ove sia richiesta una maggiore flessibilità progettuale, con la possibilità possibilità di creare strutture con altezze e campate che non sarebbero possibili con il sistema a telaio prefabbricato. Entrambe le soluzioni garantiscono sempre un elevato isolamento termo-acustico. L’X-Lam risulta particolarmente indicato per la realizzazione di edifici in zone caratterizzate da inverni miti ed estati calde, in quanto la maggiore massa lignea delle pareti determina una migliore inerzia termica. Di contro, l’utilizzo di pannelli isolanti di grande spessore, non solo per la realizzazione del cappotto esterno, ma anche all’interno dell’intercapedine delle pareti a telaio Platform Frame rende questo sistema più performante nei mesi invernali.

ricapitolando

Le pareti X-Lam sono più adatte per la realizzazione di edifici multipiano e per costruire in aree climatiche temperate, il Platform Frame si presta ottimamente ad operare in zone ad alto rischio sismico e caratterizzate da temperature invernali più rigide. Si tratta ovviamente di indicazioni di carattere generale, che non devono risultare vincolanti per il cliente. Una corretta progettazione delle stratigrafie dell’involucro e del dimensionamento degli impianti termici consente in ogni caso di raggiungere eccellenti prestazioni di comfort abitativo, resistenza al sisma e risparmio energetico.

Serramenti

Qualità / Durabilità / Isolamento

La scelta dei serramenti non va fatta in modo superficiale valutando solo il prezzo d’acquisto, ma valutando sopratutto quanto il prodotto scelto, grazie alle sue caratteristiche influenzerà le spese di riscaldamento e raffrescamento, altre caratteristiche importanti sono la durabilità e il bisogno di manutenzione. Domus Green offre ai suoi clienti un servizio di consulenza il quale attraverso un analisi accurata consiglierà la soluzione ideale per il cliente.

Sistema di impianti consigliato: PDC+Solare Termico+VMC

Efficenza / Risparmio / Ecosostenibilità

L’esperienza decennale nella progettazione di case in BIOEDILIZIA ci ha portato alla conclusione che  questo sistema risulta il piú efficace nella climatizzazione di case a basso consumo energetico garantendo un massimo comfort abitativo ed un’alto risparmio energetico. . Tenendo conto al primo posto del rapporto  investimento/risparmio nel tempo, fondamentale per la corretta scelta di impianti per una casa a energia quasi zero (nZEB),abbiamo deciso di proporre questo sistema come il nostro standard. . Le performance di questo sistema garantiscono un alta resa dell’abitazione in riscaldamento e in raffrescamento, mantenendo bassi i costi di gestione.

 

 

VORRESTI RISPARMIARE
IL 90% DEI COSTI DI
RISCALDAMENTO PER
LA TUA ABITAZIONE?
COSTRUISCI UNA
CASA PASSIVA

il concetto di casa passiva nasce nel 1988 dal desiderio di due università del nord europa di collaborare alla creazione di una casa che riducesse al minimo il fabbisogno energetico per il riscaldamento dell’edificio.
Il risultato di questa collaborazione fú un abitazione che non avesse quasi bisogno di riscaldamento esterno.

Il primo tentativo fu fatto a Darmstadt, Germania, nel 1990, con ottimi risultati in fatto di risparmio energetico, ma con un alto costo di produzione. L’abitazione non presentava nuovi dispositivi, la casa venne costruita con prodotti già in commercio, il plus veniva dalla coordinazione di tuttei questi fattori, alla disposizione dell’edificio studiato per la migliore esposizione solare, arrivando a risparmiare in consumo energetico fino al 90% rispetto alle case tradizionali.

Da allora le case passive si sono diffuse da prima nell’europa settentrionale, fino all’italia dove diverse esperienze si contano in tutto il territorio nazionale.