Case container: le abitazioni del futuro

 

Ti sei sempre chiesto quale sia la differenza tra le case modulari e i container? Vuoi capire quale sia l’alternativa migliore? Ecco tutto quello che devi sapere su le case modulari e i container.

Negli ultimi anni, è aumentata la tendenza di utilizzare i container nel settore dell’edilizia privata. Fino a qualche tempo fa, erano le case modulari ad ottenere maggior successo. Infatti, il loro utilizzo risale al dopoguerra quando erano realizzate con pannelli prefabbricati in calcestruzzo. Questo perché vi era il sogno di egualitarismo e queste tipologie di case prefabbricate rispettavano appieno tale tendenza.

Oggi, le condizioni di vita sono cambiate e di conseguenza anche gli utilizzi e i gusti delle persone.

Scopriamo insieme le caratteristiche delle case container.

CASE CONTAINER: PERCHÉ SCEGLIERLE?

Oggigiorno, in fase di progettazione e costruzione di un’unità abitativa, è sempre più richiesto l’utilizzo di un container come abitazione. Ma quali sono le motivazioni che hanno spinto i clienti a scegliere questa soluzione?

L’idea di utilizzare un container come casa non è di ultima generazione. Infatti, lungo il corso del tempo, si è assistito allo sviluppo di tanti progetti diversi in cui venivano utilizzati come abitazioni i container da trasporto

Ciò è dovuto anche all’American Tiny House Movement, movimento che negli Usa rivendica il valore delle case di dimensioni minuscole. Infatti, in un primo momento venivano realizzate, artigianalmente e su misura, delle mini abitazioni utilizzando proprio dei container dismessi.

Questo ha permesso lo sviluppo di questa tendenza e la nascita di aziende che producono container ad uso abitativo.

Un aspetto che gioca a favore dei container è proprio l’ampia possibilità di impiego. Infatti, essi sono:

  • mobili,
  • accatastabili,
  • componibili,
  • a basso costo.

Ciò permette, alle case container, di essere utilizzate in caso di cataclismi naturali e per far pronte ad un forte flusso di immigrati. Infatti, è proprio per questo secondo motivo che sempre più aziende costruttrici hanno riconosciuto il valore dei container. Infatti, il loro impiego rappresenta una soluzione pratica rapida per eventuali emergenze di mancanza di alloggi.

Ma, c’è da dire che, vivere in un container, oggi non è più soltanto per asceti ed eremiti. Infatti, in commercio sono tantissime le soluzioni proposte che soddisfano i gusti di molti acquirenti.

Quindi, il container costruito con moduli prefabbricati ha:

  • la stessa dignità stilistica di una costruzione tradizionale. Infatti, in commercio è possibile trovare tante soluzioni con stile e design diverso;
  • un costo pari a un terzo di una normale abitazione. Questo perché, vengono utilizzati dei container di riciclo ristrutturati e riadattati ad unità abitative;
  • un tempo di costruzione inferiore. Infatti, sono sei, più o meno, le settimane che intercorrono tra l’ordine e la consegna.

In Italia, purtroppo, le case container non hanno suscitato nessun interesse. Infatti, gli acquirenti italiani, abituati alle costruzioni in mattone o in cemento armato, sono ancora poco propensi all’utilizzo delle case container. Proprio perché, tali strutture, vengono principalmente associate ad abitazioni di fortuna, utilizzate per le popolazioni colpite da calamità naturali.

Inoltre, al momento, non è previsto nessun regolamento edilizio, locale o nazionale, che sancisce le norme per la costruzione di abitazioni container in Italia. Esse infatti, risultano non compatibili con i regolamenti vigenti.

Ma lo scopo delle aziende produttrice è anche quello di far cambiare idea sulle case container, facendo sì che vengano apprezzate anche nel Belpaese.

CASE CONTAINER: I VANTAGG

Le case prefabbricate con container sono una valida alternativa alle case tradizionali. Soprattutto se si è in cerca di una soluzione con basso prezzo chiavi in mano ma con buoni standard qualitativi di interni ed esterni.

Proprio per questa ragione che i produttori garantiscono, attraverso l’unione di più moduli, la realizzazione di unità abitative con diverse dimensioni con tempo di consegna non eccessivamente alti. Ma soprattutto, in rispetto dell’ambiente circostante.

Ma quali sono i vantaggi di una casa container? Eccoli:

  • data la sua struttura metallica, risulta essere estremamente resistente e duratura. Infatti, questa tipologia è progettata per resistere a carichi pesanti e alle intemperie;
  • È ecosostenibile proprio perché le aziende produttrici utilizzano container marittimi come struttura principale. Infatti, i moduli scelti sono unità in disuso che vengono riconvertiti per essere utilizzate in edilizia. Quindi, vi è un riciclo dei container, restituendo un’altra vita ad oggetti non più utilizzati, evitando la loro fusione e, di conseguenza, la dispersione di energia e di grandi quantità di CO2;
  • per le caratteristiche di costruzione, ha un’alta versatilità e, soprattutto, velocità di costruzione. Infatti, viene installata ovunque riducendo al minimo le pratiche burocratiche necessarie;
  • può essere utilizzate per diverse funzioni. Quindi, non solo per uso abitativo privato ma anche per luoghi di utilizzo pubblico come scuole, negozi, uffici;
  • per la sua peculiarità di fabbricazione, ha modularità e mobilità. Infatti, proprio per la sua natura, è possibile progettare un’abitazione impiegando due o più container affiancati o messi uno sopra l’altro per creare la configurazione desiderata. E proprio perché i container nascono per essere spostati, anche una casa così costruita può essere spostata e riassemblata.

Quindi i container abitativi rappresentano gli edifici del futuro perché:

  • hanno alta versatilità e tempi di consegna molto brevi;
  • rispettano l’ambiente con un’efficienza energetica alta;
  • hanno ampia personalizzazione con prezzo accessibili e sostenibili.