Le case ecologiche e il rispetto per l’ambiente

Le abitazioni “green” sono caratterizzate da tre aspetti essenziali: la salvaguardia dell’ambiente, il risparmio e miglioramento della qualità della vita. Le case prefabbricate in legno, rispetto a quelle tradizionali, sono dotate di una marcia in più e, inoltre, si stanno conformando alle normative europee sempre più rigide per quanto riguarda le prestazioni energetiche nell’edilizia (direttiva 31/2010), le quali prevedono un consumo di energia pari a zero per la fine del 2020.
Già da qualche anno, molte ditte costruttrici propongono case ecologiche prefabbricate in legno all’avanguardia e che prevedono un ridotto consumo energetico, sfruttando principalmente fonti rinnovabili e riciclabili. Tutto l’iter progettuale e costruttivo, dalla realizzazione della casa fino allo smaltimento dei componeneti superflui, viene controllato e certificato dall’azienda stessa in modo da ridurre l’impatto sull’ecosistema.

I materiali essenziali per la costruzione

Affinchè un’abitazione venga definita a tutti gli effetti ecologica, deve rispettare determinati elementi specifici nella fase di progettazione e realizzazione. Ad esempio, la collocazione della casa deve essere sfruttata e valutata con attenzione in base all’irraggiamento solare. Anche i materiali utilizzati devono essere scelti con attenzione. Sicuramente, dovranno avere un basso impatto ambientale e i costi, riferiti al consumo energetico, alla produzione e alla lavorazione, devono essere molto contenuti. In merito al materiale ecosostenibile e con innumerevoli proprietà ecologiche, il legno è quello più indicato grazie alle sue doti naturali, rinnovabili e riciclabili al 100%.

A proposito dei materiali, bisogna prestare massima attenzione alla qualità. Un progetto di una certa complessità, come quello di una casa prefabbricata in legno, deve possedere necessariamente il requisito della funzionalità ed elevati standard qualitativi che durino nel lungo periodo. Per esempio un buon isolamento termico, ottenuto mediante l’utilizzo di materiali di alta qualità, permette una migliore prestazione dell’abitazione tenendo a bada il consumo di calore dall’interno verso l’esterno nei periodi più freddi e viceversa nella stagione estiva.

Un altro aspetto da tenere in considerazione sono le tecnologie all’avanguardia sia a livello di produzione in cantiere che in stabilimento, in modo da raggiungere gli obiettivi prefissati.

Gli impianti da installare

Qualunque casa ecologica che si rispetti deve essere dotata di impianti ad-hoc ad elevata efficienza. Questi sistemi vengono impiegati per sfruttare al meglio le fonti rinnovabili e, di conseguenza, a coprire il fabbisogno energetico dell’abitazione, evitando l’uso di impianti tradizionali idonei per il riscaldamento dell’acqua e rinfrescare gli ambienti. I sistemi fotovoltaici e i pannelli solari annessi alle case “bio” sono concepiti per fornire energia termica ed energia elettrica necessaria per la completa autonomia energetica dell’abitazione.

Tutti questi fattori contribuiscono a rendere ogni edificio ecologico e casa prefabbricata un’abitazione caratterizzata da elevati livelli di benessere qualitativo e standard certificati riconosciuti a livello internazionale. Oltre al comfort dell’individuo viene prestata massima attenzione alla natura e alle sue risorse.